Pubblicazioni - "Lavoro e Societa a Colorno 1900-1915"

Da Lavoro e Societa a Colorno 1900-1915, a cura di Stefano Gelati, Angela Leandri, Giuseppe Sassi, 2001, p.5:

 

Nel dizionario della lingua italiana la parola "archivio" definita "una raccolta di documenti pubblici o privati" ed anche "il luogo in cui si conserva tale raccolta".

Questa definizione certamente troppo asciutta e non comunica al lettore comune il significato pregnante di questo termine. Significato che pu essere percepito soltanto se si sposta lattenzione dal contento semantico della parola al luogo fisico ed al materiale che quel luogo conserva e tramanda ai posteri: i documenti. Non intesi per come fogli di pergamena o carta scombinati e discontinui, ma serie ordinate prodotte da unistituzione, un ente, un organo, una persona singola nellesplicazione della sua attivita pubblica o privata.

Quando poi ci si addentra in un archivio storico di una Comunità, si avverte nella sua pienezza il valore della memoria e l'importanza che questo ha per la sua conservazione.

Tra i documenti d'archivio della storia contemporanea i manifesti rappresentano senz'altro un tipo di documenti particolarmente affascinante, perchè nati per trasmettere messaggi ai loro destinatari nel clima storico e culturale che li ha prodotti..

Questa pubblicazione è la trasposizione in volume di una mostra svoltasi nel palazzo municipale nel mese di maggio 2000, curata dalle stesse persone alle quali va ora il merito di aver prodotto questo pregevole libretto/catalogo.

Si conclude in tal modo un primo percorso all'interno del nostro Archivio storico, la cui valorizzazione è quanto mai necessaria per consentire ai cittadini di radicarsi sempre più alle proprie origini sociali e culturali.

Va dato pure merito alla Pro Loco di avere assunto l'iniziativa della pubblicazione, alla cui realizzazione l'Amministrazione Comunale ha ritenuto quanto mai opportuno contribuire.

Un doveroso ringraziamento pertanto agli artefici di questa preziosa "impresa".

 

IL SINDACO

Sabrina Fornia

 

LASSESSORE ALLA CULTURA

Antonio Aliani