TASI 2016

SCADENZA DEL TERMINE PER IL VERSAMENTO IN ACCONTO: 16 GIUGNO 2016

SCADENZA DEL TERMINE PER IL VERSAMENTO A SALDO: 16 DICEMBRE 2016

sulla base delle aliquote e delle detrazioni fissate con deliberazione n. 9 del 14/04/16, invariate rispetto a quelle del 2015

Novità introdotte dalla Legge n. 208/2015 (Legge di stabilità)

Esenzione abitazione principale

A decorrere dal 1/1/2016 sono esenti gli immobili destinati ad abitazione principale non solo dal possessore ma anche dall'utilizzatore e dal suo nucleo familiare ad eccezione degli immobili classificati nelle categorie A/1, A/8, A/9.

Nel cui caso in cui l'unità immobiliare sia locata ad un soggetto che la destina ad abitazione principale, con esclusione delle categorie A/1, A/8, A/9, la TASI è versata esclusivamente dal proprietario nella misura del 70% dell'imposta dovuta.

Nuova disciplina delle locazioni a canone concordato (Legge n. 431/98)

A decorrere dal 1/1/2016 per gli immobili locati a canone concordato, la TASI, determinata applicando l'aliquota stabilita dal Comune, è ridotta del 25%.

Comodato gratuito a parenti di primo grado

La riduzione della base imponibile prevista dall'art. 1, comma 10 della Legge di Stabilità 2016 (comodato gratuito a parenti di primo grado) si applica anche alla TASI.

Per “abitazione principale” si intende l’immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

Per pertinenze dell’abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate.